Benvenuti sul sito della Federazione Italiana di Dama. Il sito è visionabile con tutti i browser (solo se lo si visualizza con internet explorer potrebbe presentarsi qualche disallineamento a livello grafico).

Con la presente si provvede a pubblicare il Torneo di aprile di dama italiana online, rivolto ai bambini/ragazzi delle elementari/medie (tesserati FID), che si svolgerà giovedì 8 aprile alle ore 17.30.

Il torneo è riservato ai giocatori del Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino e si svolgerà su www.Playok.com; per iscriversi inviare un'e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Lista degli allegati
Download this file (Torneo di aprile online.pdf)Torneo di aprile online.pdf[ ]211 kB
TAGS: , ,

Domenica 14 Marzo presso la sede del Circolo L. Franzioni un piccolo drappello di avventurosi damisti si sono trovati per giocare il Campionato Regionale 2021 di dama Italiana. Sfortunatamente l'annuncio di cambio di colore della regione il giorno dopo a Rosso ha scoraggiato molti, ma nonostante ciò erano rappresentati ben cinque circoli su 10.

 

Classifica:

1° Diego Signorini (A.S.D. CD Bresciano, Brescia) p. 9; 2° Carlo Feliciani p. 8; 3° Giovanni Piano p. 7; 4° Vittorio Generoso p. 4; 5° Alessandro Pasquale Cannarozzi p. 1,1/-; 5° Lydia Mitta p. 1,1/-

Ringraziamo tutti e diamo appuntamento per l'anno prossimo.

 

     

Nei primi giorni dell’anno, quando ormai pensavo di essermi lasciato alle spalle il funesto 2020 con tutti i suoi lutti e le sue sventure, mi giunge improvvisamente la notizia della scomparsa di una persona a me molto cara, avvenuta peraltro a novembre e proprio a causa del Covid19. A distanza di un mese dal decesso di un’altra figura illustre del damismo torinese, il grande Edmondo Caprio, è venuto a mancare, alla veneranda età di 92 anni, Giorgio Farina colui che è stato l’anima e il trascinatore della Dama a Torino per almeno trent’anni. Personalmente una grave perdita perché Giorgio è stato il mio maestro dagli esordi fino al raggiungimento dei primi successi, un maestro affettuoso, ma severo che mi ha accompagnato in un percorso di crescita sia a livello di gioco sia a livello caratteriale.

TAGS: , ,

Il Presidente Regionale FID Sicilia Severino Sapienza ha organizzato nella giornata di domenica 28 febbraio 2021 il 54° Campionato Regionale di Dama Italiana.

Alla competizione, svoltasi presso il “Circolo Aurora” di Capo d’Orlando (Messina), hanno preso parte 36 damisti iscritti ai circoli siciliani, sotto la direzione di gara di Benito Cataldi, coadiuvato dall’arbitro Stefano Visalli.

Nel gruppo assoluto si conferma per il secondo anno consecutivo il M° Damiano Sciuto del Circolo DLF Messina, il quale con 11 punti si afferma sul M° Carmelo Sciuto. Quest’ultimo, con 8 punti, precede il M° Rosario Bellante del Circolo Damistico Palermitano, con 7 punti.

Nel 2° gruppo vince, dopo una lunga assenza dall’agonismo, il CM° Giovanni Cataldi del Circolo Damistico Palermitano con 9 punti. Alle sue spalle, con 8 punti, il CM° Franco Mille del Circolo “Svalves Etneo” di Adrano. Terza piazza per il CM° Angelo Luciano Schimmenti del Circolo Damistico Palermitano, con 7 punti.

Nel gruppo Provinciali vittoria a punteggio pieno di Sandro Ficarra del Circolo “Mente Pensiero” di Agrigento. Posto d’onore, con 9 punti, per Giuseppe Nicola Gueli del Circolo “Giuseppe Ragazzi” di Gravina di Catania. Terzo classificato Vincenzo Cuva, con 8 punti, del Circolo “Tommaso Aversa” di Messina.

Al termine della manifestazione ha avuto luogo la cerimonia di premiazione, a cura del Presidente Regionale Severino Sapienza, alla quale ha presenziato il Consigliere Nazionale FID Massimo P. Ciarcià.

 

            

 

Verso fine ottobre, in un periodo non particolarmente allegro per il ripartire dell’ondata di contagi Covid, mi giunge una notizia davvero triste, anche se non del tutto inattesa. La notizia è questa: è venuto a mancare all’età di 88 anni una delle persone più rappresentative e iconiche del damismo torinese di sempre: Edmondo Caprio. Damista appassionatissimo e persona squisita, allegra, educata e piena di valori. Sanguigno e combattivo nel gioco, generoso e affettuoso con chiunque. Ha partecipato in più di cinquant’anni di attività agonistica ad un numero di tornei impossibile da conteggiare (ed è un peccato perché se ci fosse una classifica sarebbe sicuramente tra i primissimi per partecipazioni). Animato da una sana competitività riusciva a trovare le motivazioni per impegnarsi in qualsiasi occasione e spesso celebrava le sue vittorie con frasi celebri esclamate a volte con un tono un po’ sopra le righe. Non potevi non volergli bene per la sua simpatia e la sua spontaneità che ne facevano un vero personaggio. Molto colto e intelligente, amava commentare le partite con alcune frasi che ripeteva rendendole celebri e memorabili: “l’uomo è mio e me lo cucino io”, “quando non si può vincere non bisogna perdere”, “fermo, non respiri!”, “nel gioco della dama le pedine tanto son forti quanto sono vicine”, “un rigore si può sbagliare ma Caprio non sbaglia mai”, “datemi un punto d’appoggio e vi solleverò Edmondo”, “questa volta amico mio vinco io”, “Isaia capitolo decimo quinto: muove Caprio e ha vinto”. Il suo livello di gioco era buono e vinse tante gare, soprattutto a dama italiana, giocando indifferentemente nel secondo o nel terzo girone a seconda dell’Elo del momento, Elo che per lui era molto variabile, soprattutto nell’ultimo periodo in cui alternava grandi prestazioni e giornate no. Sostanzialmente non era per nulla teorico, giocava per divertirsi ed era amante dei tiri (“sono il re dei tiri”) che amava venissero pubblicati su Damasport, tuttavia era uno di quei giocatori che in gara rendeva al 100%, non si arrendeva mai. Per tutti noi è stato un esempio di sportività e di passione, così come di amore per la famiglia ed equilibrio tra lavoro, hobby e vita privata. La moglie Franca, da lui amatissima, è stata un’ottima giocatrice e lo ha accompagnato per tanti anni nei tornei in Piemonte.

Riposa in pace Grammaestro Caprio, caro Edmondo sarai per sempre nei nostri cuori!

         

TAGS: , ,