Benvenuti sul sito della Federazione Italiana di Dama. Il sito è visionabile con tutti i browser (solo se lo si visualizza con internet explorer potrebbe presentarsi qualche disallineamento a livello grafico).
Si informano i damisti che nell’ambito del progetto “Andiamo a dama con la salute”, approvato da Sport e Salute SpA, nei giorni 14 e 15 maggio, a Chianciano Terme (SI), in occasione delle XXXII Finali Nazionali dei Giochi Giovanili Scolastici di Dama, presso il Grand Hotel Capitol, Viale della Libertà, 492, il dott. Renato Capurro (Medico Specialista in medicina dello Sport) con la collaborazione della dr.ssa Gloria Costanzo (fisioterapista), effettuerà per gli atleti che lo vorranno, senza spese a loro carico, una Valutazione clinica generale, eventuale Ecg a riposo; una Valutazione Posturale ed un consulto motorio/nutrizionale, per un corretto stile di vita abbinato allo sport basato sul movimento e un’alimentazione sana e bilanciata.
Si invitano i damisti a segnalare a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. tempestivamente le loro richieste di visita, al fine di poter calendarizzare tutti i consulti.
 
Il Presidente e il Consiglio Federale unitamente alla Segreteria Nazionale della FID colgono l'occasione per augurare una felice e serena Pasqua!
 
TAGS:

Dall'1 al 3 Aprile 2022 si è svolta, presso la fiera di Bologna, la 16ª edizione di "Liberamente", il Salone del tempo libero, del divertimento, dello sport e della vita all’aria aperta.

La sezione Emiliano-Romagnola della Federazione Italiana Dama, si è unita, su invito del CONI, alle 28 Federazioni Sportive affiliate e i 6 Enti di Promozione per animare il CONI SPORT VILLAGE, un luogo presso il quale i visitatori della fiera hanno provato a cimentarsi in varie discipline sportive.

Il team Emiliano Romagnolo della FID, composto da Mirella Zappalà, Ettore Pazzi, Giuseppe Paretti, Eliezer Ferrieri, Vittore Rescazzi e Arnaldo Colonna ha garantito una presenza costante allo stand per offrire a tutti i visitatori che si sono fermati,  la possibilità di fare qualche partita a dama, spesso dando chiarimenti sulle regole e sulle tipologie di gioco, altre volte, mostrando ai visitatori increduli la meraviglia e la complessità della nostra disciplina preferita.

Si ringrazia il CONI per l'opportunità e, personalmente, ringrazio Mirella, Ettore, Giuseppe, Eliezer e Vittore per il grandissimo supporto alla riuscita di questo evento.

Un bel venticinquesimo anniversario, quello della Coppa Città di Verona di dama internazionale. Il primo torneo di spicco del calendario agonistico nazionale, che tradizionalmente si tiene nella città scaligera allo sbocciare della primavera - quest’anno il 26-27 marzo, ha infatti consegnato agli Annali un’edizione al più alto livello tecnico mai registrato.

Dei 47 giocatori ai nastri di partenza, ben 15 provenivano da altri Paesi Europei, con 2 fortissimi Grandi Maestri Internazionali, come il 5 volte Campione del Mondo Alexander Shvartsman, russo, già presente (e vincitore) nel 2019, e l’olandese Ron Heusdens, più volte campione nazionale. Particolare interesse ha suscitato anche la partecipazione del Maestro Internazionale Yuriy Lagoda, ucraino, ma da anni residente in Olanda. In effetti Shvarstman e Lagoda, pur nominalmente cittadini di due Paesi tristemente in guerra tra loro, si trovano nei fatti “dalla stessa della barricata”, perché il buon Alexander, che ha una moglie ucraina (e anche due figlie), risiede in quel Paese da tempo, ed anzi ha dovuto anch’egli riparare in Olanda, con tutta la famiglia, aiutato in ciò dal Circolo di Wageningen, per il quale gioca durante una buona parte dell’anno.

Particolarmente nutrito il gruppo proveniente dalla Lettonia, costituito da 6 giovani, tutti allievi della 10 volte campionessa mondiale femminile Zoja Golubeva, la quale, pur presente, ha preferito non giocare. Per quanto riguarda gli olandesi, oltre ad Heusdens c’erano altri 5 validi giocatori, fra cui il MF Peter van der Stap. Da segnalare anche la partecipazione del MI Jacov Shaus, israeliano.

Il Circolo Damistico Veronese “Enrico Molesini”, guidato dal M° Emanuele Danese, ha dovuto faticare parecchio per reggere l’impatto della sfida organizzativa, che quest’anno si è presentata con dei paletti sempre più alti. Infatti non è ancora venuto meno l’obbligo di attenersi alla normativa di protezione anti-Covid, e, per andare incontro alle aspettative di “alleggerimento” espresse da vari giocatori, si è deciso di utilizzare i separatori in plexiglass al posto delle scomode, e certamente consunte, visiere. Comunque la sede di gara presso il comodo Hotel S. Marco ha offerto ancora una volta un ambiente accogliente e di prestigio. Nuova e benvenuta la sponsorizzazione di AGSM AIM, così come il patrocinio del Comune di Verona, la cui amministrazione è stata rappresentata alla premiazione dall’Assessore allo Sport e Tempo Libero Filippo Rando.

Ha vinto ancora, come previsto, Shvartsman, che ha staccato Heusdens e l’ottimo Loris Milanese, primo della qualificata pattuglia italiana, che comprendeva anche il Campione Italiano Roberto Tovagliaro e uno dei due co-vincitori dell’anno scorso, Daniele Macali. Molto buona la prestazione del giovane savonese Matteo Fortunato che, oltre a portarsi a casa una coppa come primo fra gli Juniores, ha conseguito la promozione a Maestro per superamento della relativa soglia di Capitale Punti ed ha pure vinto nel secondo gruppo “fittizio” di merito, davanti al lettone Vsevolods Mitrevics e all’olandese Andy Damen. Altri premiati: Marco Stipcevich come primo dei Cadetti, Giorgia Senesi come prima dei Mini-Cadetti e la lettone Jelizaveta Zaharova come prima delle donne, davanti alla connazionale Darja Drabova ed a Sofia Pandoldo. Nella terza categoria di merito la terna dei premiati ha visto Eugenio Garista imporsi su Stipcevich e Stefano Valentini, e nel quarto è stato Damiano Anselmi ad aggiudicarsi il rimborso spese più alto, davanti al lettone Aleksejs Pelniks ed a Giuseppe Toscano.

Senza problemi la Direzione di Gara di Stefano Iacono, coadiuvato da Gianpaolo Ciccone e Teresa Zamboni. Alla premiazione il Consigliere Federale Macali ha dato atto al CD Veronese dell’ottima riuscita di questa edizione; come sempre, inoltre, hanno presenziato alla consegna dei premi anche le figlie di Enrico Molesini, il compianto Maestro veronese a cui i damisti veronesi hanno voluto dedicare il Torneo.

Classifica: 1° Alexander Shvartsman p. 11,45.81; 2° Ron Heusdens p. 10,48.79; 3° Loris Alessandro Milanese p. 9,47.65; 4° Yuriy Lagoda p. 9,42.60; 5° Aize Plantinga p. 9,40.53; 6° Peter van der Stap p. 9,39.53; 7° Jacov Shaus p. 8,45.53; 8° Luca Lorusso p. 8,43.54; 9° Matteo Fortunato p. 8,42.42; 10° Jelizaveta Zaharova p. 8,41.46; 11° Vsevolods Mitrevics p. 8,40.44; 12° Andy Damen p. 7,45.48; 13° Daniele Macali p. 7,45.44; 14° Aboubacar Sadikh Diop p. 7,43.41; 15° Roberto Senesi p. 7,39.38; 16° Eusebio Cabral de Brito Matos p. 7,37.38; 17° Nicola Gioffrè p. 7,36.32; 18° Roberto Tovagliaro p. 7,35.35; 19° Eugenio Garista p. 7,35.34; 20° Marco Stipcevich p. 7,25.22; 21° Riccardo Agosti p. 6,40.37; 22° Moreno Manzana p. 6,37.34; 23° Rafael Antonio Rodriguez Peralta p. 6,36.29; 24° Emanuele Danese p. 6,36.28; 25° Stefano Valentini p. 6,36.27; 26° Bert Begeman p. 6,34.22; 27° Daniele Redivo p. 6,33.24; 28° Damiano Anselmi p. 6,27.20; 29° Aleksejs Pelniks p. 5,40.32; 30° Darja Drabova p. 5,37.23; 31° Giuseppe Toscano p. 5,35.25; 32° Daniele Brancaleone p. 5,35.17; 33° Diego Signorini p. 5,32.22; 34° Diego Tranquillini p. 5,32.18; 35° Mattia Brancaleone p. 5,30.21; 36° Renzo Rubele p. 4,37.18; 37° Francesco Militello p. 4,35.16; 38° Andrea Cappadonia p. 4,30.15; 39° Pietro Ros p. 4,29.13; 40° Ludy Brink p. 4,28.10; 41° Sofia Pandolfo p. 4,28.7; 42° Andrea Taviani p. 4,26.12; 43° Elizabete Kolbase p. 4,23.8; 44° Giorgia Senesi p. 3,32.8; 45° Simone Demaria p. 2,22.0; 46° Giovanni Paolo Manghisi (ritirato) p. 2,17.10; 47° Tereze Barbara Graudina p. 0,31.0.

TAGS: , ,

Con la presente si provvede a pubblicare l'elenco degli ammessi ai 40' Campionati Italiani Giovanili e al 5° Campionato Italiano Veterani di dama internazionale che si svolgeranno a Castiglion Fiorentino (AR) dal 1 al 3 aprile 2022. Inoltre si allega il programma della 1^ Tappa dei Tornei della Città dell'Olio che si svolgerà in concomitanza con i Campionati.

Nel rispetto delle misure previste dal protocollo anti-covid, si è svolto domenica 20 marzo il 72° Campionato Regionale del Lazio di Dama Italiana. I locali sono quelli abituali messi a disposizione dalla Pizzeria “Al Capolinea della Pizza”di via Casilina e vista la giornata serena e con temperature abbastanza miti, per quest’ultimo giorno d’inverno, abbiamo potuto utilizzare l’ampio spazio coperto da tendone che ha anche rappresentato una ulteriore misura cautelativa verso il covid.

 

La partecipazione è stata discreta e quasi tutti gli otto circoli del Lazio hanno inviato i loro rappresentanti. Con l’esperta guida del Direttore di Gara Alessio Mecca ha debuttato il neo arbitro Sergio Salandri, i quali hanno curato con attenzione tutti gli aspetti utili affinché la gara si svolgesse nel massimo rispetto delle regole previste. Debbo anche sottolineare il debutto di un neo provinciale del CDR, Davide Pulito che ha gestito gli incontri con i suoi avversari con attenzione e capacità facendosi comunque onore in questa sua prima esperienza di partecipazione ad una gara ufficiale.

I 17 giocatori tesserati sono stati suddivisi in tre gruppi, Maestri e Nazionali, Regionali, Provinciali, più due esordienti che si sono affrontati in quattro incontri. Quest’anno il titolo assoluto è stato vinto a pari merito sia con lo stesso punteggio che quoziente dai Maestri Antonio Ferrari del circolo Basso Lazio e Emilio Liberati del circolo Veliterno, mentre nel secondo gruppo ha prevalso Mauro Zanella del circolo CD Romano, tra i Provinciali ha vinto Daniele Lopes del circolo Basso Lazio che ha prevalso per quoziente su due atleti del circolo Spinacetodam, Antonino Gullà e Adriano Carosi.

La sfida tra i due esordienti ha visto prevalere Salvatore Speziale di Roma sulla giovane Isabella Mattone da Frosinone. La Coppa per la miglior giocatrice è stata assegnata pari merito a Giorgia Senesi e Margherita Aielli entrambe atlete della Fortezza di Latina. La gara nel suo complesso si è svolta in modo molto regolare permettendo così di terminare alle ore 16,00 inclusa la cerimonia di premiazione, intervallata dal pranzo dove chi ha voluto, tra le altre bontà ha potuto godere delle famose tagliatelle fatte in casa alla gricia preparate dalla padrona di casa Tiziana, mentre dolce e caffè è stato offerto dall’Organizzazione.

Di seguito i risultati completi:

Assoluto: 1° Antonio Ferrari (A.S.D. CD Basso Lazio, Frosinone) p. 6,17/-; 1° Emilio Liberati (A.S.D. CD Veliterno, Roma) p. 6,17/-; 3° Lamberto Ronca p. 5,15; 4° Claudio Natale p. 3,5; 5° Benito Lettieri p. 0,0.

2° Gruppo: 1° Mauro Zanella (A.S.D. Centro Damistico Romano, Roma) p. 7,8; 2° Antonio Di Carlo p. 3,5; 3° Margherita Aielli p. 2,3.

Provinciali: 1° Daniele Lopes (A.S.D. CD Basso Lazio, Frosinone) p. 6,17.24; 2° Antonino Gullà p. 6,17.23; 3° Adriano Carosi p. 6,13.14; 4° Giorgia Senesi p. 5,16.19; 5° Linda Piccinini p. 4,19.15; 6° Mario Carmignato p. 3,16.9; 7° Francesco Vincenti p. 3,15.7; 8° Davide Pulito p. 2,14.2; 9° Giovanna Caponetto p. 1,17.3.

Non tesserati: 1° Salvatore Speziale (Roma) p. 3,1; 2° Isabella Mattone p. 1,1.

Con la presente per comunicare la chiusura degli uffici della Segreteria Federale dalle ore 14.00 del 02 marzo 2022. Le attività riprenderanno regolarmente domani, 03 marzo 2022 dalle ore 09.00.

Cordiali saluti

Cala il sipario sulla Coppa Calabria che manda agli archivi in ritardo di un paio di mesi, causa emergenza covid, la terza edizione targata 2021. Alla fine delle ostilità puramente ludico-agonistiche si impone nella classifica generale il maestro cosentino Francesco Senatore che chiude imbattuto la competizione con dieci vittorie e quattro pareggi.

Alle sue spalle una agguerrita lotta per accaparrarsi la piazza d’onore che alla fine vede premiato per quoziente il crotonese Domenico Bozza, che beffa sul filo di lana il concittadino e pari categoria (Candidato Maestro ndr) Filippo Violi, campione uscente della competizione che questa volta si deve accontentare del gradino più basso del podio. Quarta piazza per il Nazionale cosentino Nunzio Dodaro che poteva puntare a qualcosa di più ma che lungo il percorso si è perso nei meandri degli scontri diretti dove ha collezionato pochi punti.

Nel secondo raggruppamento trionfa un altro crotonese, il Candidato Giovanni Maida, giocatore storico nel panorama damistico regionale che ha ripreso in mano dame e pedine dopo diversi anni di sosta. Per lui si è trattato di un successo da molti pronosticato già alla vigilia, una marcia trionfale a cui ha cercato di porre un freno il Regionale Nuccio Morello di Rossano che negli scontri diretti, tuttavia, ha dilapidato punti importanti. Chiude il podio il giocatore in attività più longevo della Calabria e forse d’Italia, il Regionale Michele Lanzino di San Pietro in Guarano, il paese che ha ospitato proprio la terza e ultima tappa. L’inossidabile sanpietrese non finisce mai di stupire e a quasi 90 anni riesce ancora a tirare fuori dal cilindro giocate di alta scuola damistica. Infatti, in occasione dell’ultima tappa ha deliziato gli astanti con uno spettacolare tiro a tre lasciando di stucco il suo avversario di turno.

Scorrendo la classifica, alle spalle di Lanzino si colloca il cosentino Espedito Schiattarella che ha un po’ deluso, pagando lo scotto di una lunga assenza dai tavoli ufficiali di gioco. Alla fine delle ostilità, il consueto rito delle premiazioni ha chiuso una bella giornata di sport e divertimento. Il comitato organizzatore coglie l’occasione per ringraziare il bar rosticceria Settino che ha deliziato i presenti con un pranzo spettacolare dimostrando inoltre un grande senso di accoglienza, e l’Associazione Pensionati “Santino Imbrogno” che ha messo a disposizione, all’interno della casa comunale, una bella e confortevole sala da gioco. Calato il sipario sulla terza edizione, i damisti calabresi sono già in fermento e pronti a ripartire in occasione della quarta edizione in programma presumibilmente nella prossima e imminente primavera.

CLASSIFICA FINALE DOPO TRE TAPPE E 14 TURNI

 Senatore       punti 24

Bozza           punti 19,100

Violi             punti 19,95

Maida           punti 16,83 1°  s.g.

Dodaro         punti 16,79

Morello        punti  9       2°  s.g.

Lanzino        punti  5        3° s.g.

Schiattarella punti 4

Il Campionato Regionale di Dama Italiana 2022 si “tinge” di “Violi”. Diamo il giusto colore a questo evento per esaltare l’impresa del forte Candidato Maestro di Crotone che sbaraglia tutti in occasione del più importante evento damistico regionale riconosciuto dalla Fid. Un risultato di prestigio che va ad arricchire la vetrina dei successi del giocatore crotonese, che si ripete dopo il successo nei mesi scorsi del Nazionale Città di Lecce. Filippo Violi, inoltre, contribuisce a impreziosire la bacheca del suo nuovo circolo, “Il Bianco e Nero” del primo dirigente Antonino Cilione, che dimostra con i risultati di aver centrato in pieno la campagna acquisti 2022.

Sul secondo gradino del podio si accomoda il reggino Giuseppe Amaretti (CM), campione uscente che si conferma damista solido e difficile da battere. Alle sue spalle si posiziona il Maestro cosentino Francesco Senatore, apparso un po’ stanco e appannato dopo la recente affermazione in occasione della Coppa Calabria. Nel Secondo Gruppo si impone di prepotenza un altro cosentino, il Nazionale Nunzio Dodaro, giocatore roccioso capace di vincere tutte le partite. In pratica, Dodaro ha fatto bottino pieno senza lasciare nemmeno le briciole ai suoi avversari che si sono dovuti accontentare delle posizioni meno prestigiose della classifica. Al secondo posto si piazza a sorpresa il Regionale Espedito Schiattarella che beffa per quoziente il giocatore di casa Pompeo Faragone, categoria Provinciale. Per quest’ultimo si è trattato di un gradito ritorno dopo un anno tribolato da problemi personali. Faragone, va ribadito, attraverso l’associazione da lui rappresentata, “Amici di Francesco”, ha dato un contributo notevole alla riuscita dell’evento damistico.

A lui vanno i ringraziamenti da parte di tutti i partecipanti, vinti e vincitori. Il Campionato si è svolto nella prestigiosa sala consiliare messa gentilmente a disposizione dell’amministrazione comunale di Rose guidata dal sindaco Roberto Barbieri ben coadiuvato dall’assessore Rosaria Marsico. La gara è stata diretta egregiamente dall’arbitro nazionale Salvatore Laganà supportato dall’instancabile e sempre disponibile Delegato Regionale Giorgio Ghittoni. Il merito della scelta azzeccata della location di gioco va ascritto al presidente della ASD Bruzio Cosenza, Pino Iuele che è riuscito a calamitare, in una bella domenica di febbraio, l’attenzione dei più forti giocatori calabresi. Tra gli altri va rimarcata la presenza del più longevo giocatore calabrese, Michele Lanzino, dell’esperto Nazionale Roberto Pizzuto e degli ostici Regionali Carmine Morello, Luigi Sapia e dei navigati Candidati Maestri Giovanni Maida, Domenico Bozza e Leonardo Scigliano. Archiviato questo importante appuntamento, l’allegra comitiva di damista calabresi è subito pronta per affrontare altre sfide importanti e impegnative, tra le quali merita di essere segnalata la quarta edizione della Coppa Calabria, competizione itinerante che è già in cantiere e dovrebbe partire, salvo imprevisti, dal prossimo mese di aprile.

Il Circolo Damistico “Paolo Ciarcià” di Canicattini Bagni (Siracusa) ha organizzato nelle giornate di sabato 11 e domenica 12 dicembre 2021, presso la locale sala di Palazzo Messina Carpinteri, il 2° Memorial “Franzo Giardina” di Dama Italiana.

L’appuntamento sportivo, patrocinato dal Comune di Canicattini Bagni, dedicato alla memoria del canicattinese Franzo Giardina, scomparso nel 2017, instancabile promotore della nostra disciplina e socio fondatore del Circolo Damistico “Paolo Ciarcià”, ha visto la partecipazione di una trentina di damisti, sotto la direzione di gara di Salvatore Laganà, coadiuvato dall’arbitro Lorenzo Dario Ciarcià.